Test continuo della glicemia: Come funzionano i sensori?

di Davide Rubicone 63 visite

I sensori registrano i livelli di glucosio in modo continuo, 24 ore su 24!

Permettono di vedere la velocità e la direzione dell'andamento dei livelli di glucosio. È anche possibile vedere quali sono stati i livelli di zucchero durante la notte. Le letture del glucosio vengono trasmesse a un monitor o a un microinfusore di insulina, dove i valori vengono visualizzati.

Attualmente ne esiste solo uno sul mercato. È prodotto da Medtronic. Altri potrebbero essere disponibili nel prossimo futuro.

Come funzionano?

Un piccolo dispositivo di rilevamento del glucosio, chiamato "sensore", viene inserito appena sotto la pelle (tessuto sottocutaneo). È molto simile all'inserimento di un catetere per la pompa di insulina. I sensori vengono generalmente inseriti nella zona addominale o nella parte superiore dei glutei e per tenerli in posizione si utilizza del nastro adesivo.

Il sensore misura il livello di glucosio nel liquido interstiziale (liquido che circonda la cellula) ogni 10 secondi e lo trasforma in un segnale elettrico. Il segnale rappresenta la quantità di zucchero nel sangue.

Un piccolo trasmettitore si collega al sensore. Invia un segnale a un microinfusore di insulina o a un dispositivo delle dimensioni di un cercapersone, chiamato "monitor", da attaccare a una cintura o alla vita dei pantaloni.

Il sistema registra automaticamente un valore medio di glucosio ogni 5 minuti per un massimo di 72 ore.

I risultati di diverse misurazioni della glicemia effettuate con il glucometro in momenti diversi della giornata vengono inseriti nel monitor per la calibrazione.

Dopo 3 giorni, il sensore viene rimosso e le informazioni memorizzate nel CGM vengono scaricate in un computer. L'utente e l'educatore del diabete possono quindi esaminare i livelli di glucosio in relazione agli altri dati raccolti e apportare le modifiche necessarie al piano di gestione del diabete. Le informazioni saranno presentate sotto forma di grafici o diagrammi che possono aiutare a rivelare gli schemi delle fluttuazioni del glucosio.

Quando viene utilizzato?

Il monitor viene utilizzato per individuare le tendenze dei livelli di glucosio, come ad esempio gli eventi che si verificano durante la notte, gli alti livelli di glicemia tra i pasti o i picchi glicemici del primo mattino.

Tuttavia, non è destinato a sostituire il monitoraggio della glicemia con un glucometro. Il vantaggio principale del monitoraggio continuo del glucosio è che può aiutare a identificare le fluttuazioni e le tendenze che altrimenti passerebbero inosservate con i test A1C standard e le misurazioni con lo stick da dito, consentendo di prendere provvedimenti per evitare alti o bassi gravi.