Il pesce d'acqua dolce più grande del mondo catturato in Cambogia

di Davide Rubicone 12 visite

La razza gigante d'acqua dolce, che misurava quattro metri (13 piedi) dal muso alla coda, è stata catturata la scorsa settimana e rilasciata in natura dopo essere stata dotata di un'etichetta che ne traccia il comportamento.

Il mostruoso abitante dei fondali ha battuto il precedente record di pesce d'acqua dolce più grande mai registrato, detenuto da un pesce gatto gigante del Mekong di 293 chili (646 libbre) catturato in Tailandia nel 2005, ha dichiarato il progetto di ricerca Wonders of the Mekong, finanziato dagli Stati Uniti.

La razza, catturata nella provincia di Stung Treng, nel nord della Cambogia, pesava più del doppio di un gorilla di pianura medio, hanno dichiarato gli esperti.

"In 20 anni di ricerche sui pesci giganti nei fiumi e nei laghi di sei continenti, questo è il più grande pesce d'acqua dolce che abbiamo incontrato o che è stato documentato in tutto il mondo", ha dichiarato Zeb Hogan, biologo ittico a capo del progetto Wonders of the Mekong, in una dichiarazione rilasciata martedì.

"Si tratta di una scoperta assolutamente sorprendente, che giustifica gli sforzi per comprendere meglio i misteri che circondano questa specie e l'incredibile tratto di fiume in cui vive".

I ricercatori hanno applicato un'etichetta acustica alla ragnatela prima di restituirla al fiume, per cercare di saperne di più sul comportamento elusivo di questa creatura segreta.

Il mese scorso, nella stessa provincia, un pescatore ha preso all'amo anche una ragnatela d'acqua dolce gigante, in pericolo di estinzione, lunga quattro metri e pesante 180 chili.

Il Mekong è abitato da più di 1.000 specie di pesci e la razza non è l'unico gigante in agguato nelle acque fangose: anche il pesce gatto gigante e il barbo gigante raggiungono i tre metri di lunghezza e i 270 chili di peso.

Gli scienziati hanno avvertito che i rifiuti di plastica minacciano la fauna selvatica anche nei tratti più profondi del Mekong, insieme alle "reti fantasma", abbandonate dai pescatori ma ancora in grado di catturare i pesci.

Il famoso corso d'acqua inizia in Cina e si snoda a sud attraverso parti della Thailandia, del Laos, del Myanmar, della Cambogia e del Vietnam, nutrendo 60 milioni di persone attraverso il suo bacino e i suoi affluenti.

Ma gli ambientalisti hanno da tempo espresso preoccupazione per la costruzione di dighe lungo il fiume Mekong che distruggerebbero gli stock ittici.