Loading...
Assorel

Comunicazione No Profit


Nutripedia - Informati per Crescere


 

CATEGORIA
Comunicazione No Profit

CLIENTE

Fondazione Istituto Danone con Rimmi (Rete Interaziendale Milano Materno-Infantile)

SOCIETÀ

Edelman


 

STRATEGIA - IDEA DISTINTIVA

'L'obesità infantile è un falso problema: crescendo i bambini si allungano'; 'se al bambino non piace la pappa, aggiungi un pizzico di sale'; 'con la dieta vegetariana i bambini crescono meglio': sono, queste, solo alcune tra le più ricorrenti bufale sull'alimentazione dei più piccoli che potrebbero mettere a rischio la salute di oggi e di domani. D'altra parte, lo studio su 'informazione e fake news' dell'Autorità garante per le comunicazioni ('Piattaforme digitali e sistema dell'informazione' - Agcom 2018) parla chiaro: in Italia sono proprio le false notizie ad ottenere maggiore visibilità in Rete rispetto a quelle reali. Ma esistono 'fake' più dannose di altre: quelle sull'alimentazione durante la gravidanza e nei primi anni di vita rischiano per esempio di mettere a repentaglio la salute futura del bambino e di contribuire allo sviluppo di malattie croniche in età adulta. E' nato da queste premesse - nel giugno 2018 - il progetto 'NUTRIPEDIA' InformaTi per crescere', un percorso di educazione e comunicazione in cui per la prima volta esperti scientifici, divulgatori e genitori fanno squadra per intercettare le fake news e contribuire ad un'informazione corretta, al servizio delle famiglie. Il progetto è stato sviluppato da Edelman, che ne ha anche ideato naming e logo, per Fondazione Istituto Danone e realizzato grazie alla collaborazione degli esperti di RIMMI (Rete Interaziendale Milano Materno Infantile). Nutripedia si focalizza sull'importanza della corretta nutrizione nei primi 1000 giorni di vita, una finestra temporale riconosciuta dalla comunità scientifica come cruciale per la salute del futuro adulto. Attraverso l'hub www.nutripedia.it pediatri, ginecologi, nutrizionisti sono al fianco di mamme e papà, con l'obiettivo di opporsi alle informazioni confuse e scorrette che circolano sul tema e che, al tempo del web e dei social, corrono ad una velocità ancora maggiore. Le esperienze di mamme e papà blogger, che sul sito riportano le proprie storie personali alle prese con l'alimentazione dei loro bimbi nei primi anni di vita, completano i contenuti a disposizione degli utenti.

ATTIVITÀ/RISULTATI

Nutripedia è anche una pagina Facebook che contribuisce ad amplificare i messaggi dell'hub attraverso pillole settimanali. Rimandando ai contenuti del sito o ai post dei blogger, la pagina si propone come uno strumento di informazione semplice e immediato, sempre a portata di mamme e papà.
Infine, l'ultimo nato in casa Nutripedia è il primo chatbot dedicato alla nutrizione infantile, uno strumento che permetterà - da settembre 2019 - di arricchire ulteriormente l'enciclopedia raccogliendo e dando risposta ai più frequenti dubbi dei genitori nei primi 1000 giorni di vita dei loro bambini.

Risultati quantitativi (da giugno 2018 a oggi)
Sito Web
- 119.071: visualizzazioni di pagina
- 88.430 visualizzazioni uniche
- 48.893: utenti totali
- 60.123: sessioni

Pagina Facebook (risultati totalmente in organico):
- > 200.000: Total Reach
- > 300.000: Total Impression
- 3.240: Total Fan
- 5.570: Total Engagement

Attività degli 8 blogger selezionati:
- 2,1 Mil: Reach su Facebook
- > 10.600: Engagement su Facebook
- > 290.00: Impression su Instagram
- > 16.000: Engagement su Instagram
- > 500.000: Impression su Twitter per live activity
- 30.000: Impression su Instagram per live activity

Risultati qualitativi
In occasione dell'ottava edizione del congresso 'La pediatria nella pratica clinica', durante il quale l'iniziativa è stata presentata a circa 700 pediatri italiani, l'allora Ministro della Salute, Onorevole Giulia Grillo, ha espresso il suo sincero apprezzamento: 'Realizzare una campagna di educazione e sensibilizzazione a sostegno dei genitori rappresenta uno strumento particolarmente efficace per contrastare il dilagare di fake news e, quindi, per tutelare la salute dei più piccoli'.
Il progetto è stato accolto ed amplificato anche grazie alla visibilità ottenuta sul sito della Società Italiana di Pediatria.