Loading...
Assorel

Comunicazione per la valorizzazione del patrimonio artistico, territoriale e ambientale


Il filo di un discorso femminile - 51° Vinitaly


 

CATEGORIA
Comunicazione per la valorizzazione del patrimonio artistico, territoriale e ambientale

CLIENTE

Cantina Tollo

SOCIETÀ

Homina Comunicazione e Relazioni Pubbliche


 

STRATEGIA - IDEA DISTINTIVA

Comunicare in maniera visiva e narrativa il legame di valore tra una delle cantine abruzzesi più importanti nel mondo e il proprio territorio di appartenenza.
Creare per un pubblico internazionale un'occasione di conoscenza della tessitura e del ricamo, una delle arti più antiche, ma allo stesso tempo meno conosciute d'Abruzzo.
Portare avanti un racconto capace di sottolineare, attraverso gli spazi e gli allestimenti, la stretta relazione tra tradizione e ricerca, relazione vincente sia nella produzione vitivinicola che nella narrazione di una storia fatta di luoghi, persone e arte popolare che si dipana attraverso il filo di un discorso femminile, grazie alle 'opere' delle donne che lo hanno tramandato nei secoli.
La scelta tematica dello stand ideato per la 51°edizione di Vinitaly è parte integrante dell'attività di riposizionamento di Cantina Tollo che Homina sta portando avanti con più strumenti e azioni dedicati alla valorizzazione del patrimonio artistico, territoriale e ambientale anche su scala nazionale con l'iniziativa 'Un calice per l'arte' a sostegno delle realtà museali italiane.

ATTIVITÀ/RISULTATI

La presenza di Cantina Tollo all'edizione 2017 di Vinitaly ha visto una nuova declinazione della linea narrativa già individuata e seguita da Homina, incentrata sulla valorizzazione del patrimonio naturale e culturale abruzzese. Dopo il Parco Nazionale d'Abruzzo, tema del 2016, il nuovo stand ha raccontato ai visitatori una delle tradizioni locali più preziose, quella della tessitura e del ricamo. Il percorso narrativo - ricostruito su pannelli testuali e iconografici - delle fasi storiche più significative di quest'arte considerata minore ha permesso ai visitatori di conoscere alcune delle figure femminili che ne hanno divulgato il valore e di apprezzare alcuni pezzi originali esposti in collaborazione con il Museo delle Genti d'Abruzzo di Pescara.
Oltre 1.500 i visitatori presenti allo stand nei 4 giorni di manifestazione, provenienti da più di 60 paesi. La copertura mediatica è stata superiore alle 30 uscite su testate generaliste e di settore.
Homina ha curato l'ideazione e la progettazione degli spazi, la selezione dei pezzi esposti e le attività di ufficio stampa dedicate.