Loading...
Assorel

Public Affairs & Lobbying


Liberalizziamoci


 

CATEGORIA
Public Affairs & Lobbying

CLIENTE

CONAD - Consorzio Nazionale Dettaglianti Soc. Coop.

SOCIETÀ

Homina Srl comunicazione e relazioni pubbliche


 

STRATEGIA - IDEA DISTINTIVA

Obiettivo della campagna è sollevare l'attenzione sul tema della liberalizzazione dei farmaci di fascia C con ricetta (i farmaci con ricetta il cui costo è a carico del cittadino, oggi venduti solo in farmacia). Obiettivo secondario è quello di valorizzare la figura di Conad e accreditarlo come soggetto attento ai temi consumeristici.

La strategia si compone dei seguenti punti:

- Promozione di una raccolta di firme;
- Partnership e alleanze con soggetti interessati ai temi della liberalizzazione;
- Azioni di lobbyng e coinvolgimento di gruppi di interesse e stakeholder;
- Coinvolgimento degli stakeholder interni (soci e dipendenti delle cooperative aderenti al consorzio Conad);
- Reintroduzione del tema della concorrenza nell'agenda dei media;
- Sensibilizzazione delle forze politiche sui temi della concorrenza e della tutela del potere d'acquisto.

ATTIVITÀ/RISULTATI

La petizione Liberalizziamoci ha raggiunto quota 170.000 firme a marzo 2017. Il plico è stato consegnato alle presidenze di Camera e Senato, in maggio la richiesta dei cittadini è stata annunciata in sede di Commissione Affari Sociali alla Camera.

Nel corso della campagna sono state attivate diverse campagne stampa sui media cartacei e on line, focalizzando l'attenzione di volta in volta su aspetti differenti.

La campagna è stata supportata da un'azione social che ha coinvolto i profili di Liberalizziamoci, di Conad, dell'amministratore delegato di Conad Francesco Pugliese, delle associazioni dei consumatori e delle parafarmacie e dei rappresentanti dei farmacisti non titolari.

Nel corso dell'iter approvativo del ddl concorrenza, Liberalizziamoci ha richiamato l'attenzione di diversi parlamentari sul tema della liberalizzazione dei farmaci, attraverso un'azione di engagement via social network e l'invio di lettere personalizzate. L'azione emerge dal contenuto di alcuni dibattiti parlamentari relativi al ddl.