Loading...
Assorel

Comunicazione Sociale
- Cause Related Marketing


Mettiamocelo in testa


 

CLIENTE

UNHCR (Alto Commissariato ONU per i rifugiati)

SOCIETÀ

INC - Istituto Nazionale per la Comunicazione


 

STRATEGIA - IDEA DISTINTIVA

'Mettiamocelo in Testa' è la campagna di raccolta fondi promossa a fine 2016 da UNHCR per garantire l?istruzione ad oltre 3,7 milioni di bambini rifugiati che non hanno l'opportunità di andare a scuola a causa delle guerre. Come sottolinea il claim della campagna 'solo con l'istruzione un bambino rifugiato ricomincia a scrivere la sua vita'.
Per il lancio della campagna, invece di una classica conferenza stampa, abbiamo ideato un evento immersivo ed emozionante che ha pienamente centrato l'obiettivo di assicurare all'SMS solidale un'ampia visibilità e di diffondere sui media e attraverso i social, i messaggi chiave della campagna.
Il 21 novembre, giorno di avvio della campagna, presso il Teatro Quirinetta di Roma abbiamo mandato in scena la 'Scuola interrotta'. una performance teatrale che ha puntato i riflettori sul dramma vissuto ogni giorno dai bambini rifugiati. In platea, oltre 100 giornalisti, stakeholder e web influencer hanno ascoltato commossi le storie dei bambini che a causa della guerra e della fuga hanno dovuto abbandonare gli studi. Storie lette e interpretate - con un sottofondo di urla e passi - da tre ambassador UNHCR: Nicole Grimaudo, Nancy Brilli ed Emanuela Rossi. Sullo sfondo, un'istallazione di una scuola bombardata rappresentava quello che i bambini hanno perso a causa della guerra. L'evento si è chiuso con tutti i partecipanti sul palco a mimare un gesto simbolico ispirato al logo UNHCR - il libro in testa, che come un tetto di una casa ci protegge - che è diventato il gesto simbolico rimbalzato sui social grazie ad una intensa campagna di Digital PR che ha coinvolto 16 celebrities e 96 web influencer diventati ambassador e supporter per la raccolta fondi.

ATTIVITÀ/RISULTATI

La campagna PR ha integrato attività di media relation, Digital PR, social media engagement e media partnership. L'oggetto e il gesto simbolo della campagna - il libro in testa - sono stati al centro di una campagna di sensibilizzazione che ha coinvolto sia i media mainstream, sia i web influencers e i social media, assicurando visibilità alla campagna, all'evento di lancio e all'SMS solidale. In tre settimane sono stati oltre 210 i media che hanno dedicato articoli e servizi alla campagna, con 66 appelli di solidarietà sulle principali tv nazionali, compresi 6 servizi su TG nazionali e 10 interviste radiofoniche ai portavoce di UNHCR e agli ambassador della campagna. Complessivamente l'attività di ufficio stampa ha generato oltre 20 milioni di opportunity to see per i messaggi della campagna. L'attività digital e social ha coinvolto 96 web influencers e circa 1.500 utenti che hanno prodotto circa 3.000 post su twitter e Instagram con l'hashtag #mettiamocelointesta, raggiungendo un totale di oltre 15 milioni di persone e di 49 milioni di impressions. Un significativo contributo alla raccolta fondi è venuto anche dall'attività di media partnership, che ha permesso di ottenere spazi pubblicitari gratuiti da oltre 60 testate tra quotidiani, periodici ed emittenti Tv e radio nazionali e locali, per un valore di oltre 100.000 euro. La campagna Mettiamocelo in Testa di UNHCR ha raccolto oltre 330.000 euro.